ALESSANDRO logo web marketing salerno (2)

Covid 19: L'E-commerce e le PMI in questo momento difficile

21 Ottobre 2020

Covid 19 e E-commerce e PMI, sul primo non era abituato nessuno, sul secondo argomento in tanti abbiamo conosciuto nel tempo cosa sia, l'abbiamo utilizzato. Nel caso mio,ho cominciato anni fa con e-bay, eravamo forse ad inizio anni 2000.

L'e-commerce, che addirittura in America è riuscito a mettere in ginocchio catene di supermercati come Macy's (vedi fonte), che hanno programmato la chiusura di oltre 100 store in giro per gli Stati Uniti. Ma il problema è l'e-commerce? Probabilmente sono le abitudini delle persone, col tempo cambiano e chi ha saputo cogliere questo cambiamento, o addirittura lo ha stimolato (vedasi Amazon e AliExpress)

Già prima dell'emergenza pandemica in Italia le piccole medie imprese soffrivano la presenza dei sempre più fiorenti centri commerciali, che nel giro di 15 anni sono spuntati come funghi ovunque, però che ha investito in qualità è riuscito a sopravvivere, se non addirittura a migliorare le performance dei propri affari.

"L'e-commerce per la PMI funziona?"

Questa è una delle domande che molto spesso mi fanno, direi anche giustamente. Chi non si preoccupa di questo significa che non gli importa il bene della sua azienda e va un po' a tentativi.

Andiamo a vedere nello specifico come un'azienda, attraverso il web e con il supporto di un e-commerce, o un sito di prenotazione di prodotti* può capire come il web può aiutarla a vendere i suoi prodotti.

Come possiamo notare nelle due immagini a confronto qui sopra, attraverso il web, e attraverso una buona strategia digitale, con l'aiuto di un consulente di web marketing un commerciante può vedere quanto interesse mostra il mercato digitale, sia in ambito locale (in questo caso ho preso come riferimento la città di Cava de' Tirreni), sia in ambito nazionale nei confronti di un prodotto, e quanto interagisca realmente con quanto sta cercando.

Il primo passo di una PMI che apre un e-commerce

Innanzitutto, ma questo non riguarda solo i negozi virtuali, un buon negozio deve fissare bene i propri obiettivi, definire chi è l'ipotetico target di riferimento e iniziare a raccogliere tutto il materiale già esistente e utile per aprire un sito web.

In alto abbiamo visto le così dette "keywords" con delle metriche di ricerche mensili, sono importanti, ma ciò che importa è riuscire a descrivere bene i propri plus senza pensare che dobbiamo scrivere a Google... noi dobbiamo parlare agli esseri umani.

Detto questo, la SEO ha un'importanza assoluta, e col tempo, un buon lavoro può riuscire a farci essere primi sui motori di ricerca, e questo significa irrimediabilmente "VENDERE"!

L'importanza dellaUSERExperience

heatmap

Analisi del comportamento degli utenti

Proprio come in un negozio reale, dobbiamo rendere tutto conforme con quanto si aspetta un visitatore del negozio, attraverso l'utilizzo dei giusti software analizzeremo il comportamento degli utenti, cercando di migliorare i contenuti del nostro sito web per migliorare l'esperienza dell'utente, il quale sarà stimolato perlomeno a compiere un'azione, in maniera tale che entri all'intero del cosiddetto Sales Tunnel, ovvero diventare un lead all'interno di un nostro database

Senza Search Enginemarketing non aprire un e-commerce

Aprire un-ecommerce oggi significa sicuramente entrare in un mondo dove è presente una miriade di competitors, questo però non vuol dire che non c'è spazio per i tuoi prodotti o i tuoi servizi.

Creare una strategia di contenuti e puntare alla SEO è doveroso, ma non ci darà subito i frutti sperati.

In questo caso a seconda del nostro obiettivo e la nostra tipologia di clientela dobbiamo scegliere quale è lo strumento in cui investire di più e meglio (per lo meno all'inizio)

Gli strumenti che danno migliori risultati in Italia sono:

  • Google ADS
  • Facebook (Facebook e Instagram)
  • Linkedin

Molto spesso i miei clienti si preoccupano che nel tempo possono spendere troppo in pubblicità poter quantificare i risultati... ebbene, oggi tutto questo è un pensiero preistorico.

Oggi si riesce a quantificare ogni click di qualsiasi campagna e si ha una chiara visione del ROI (ritorno dell'investimento), e quindi se qualcosa non va non si aspetta che affondi la barca, si interviene subito.

Fidelizza i Clienti dell'E-commerce

Se il lavoro in negozio e il lavoro sull'ecommerce è stato fatto bene noi ci dovremmo trovare con una cospicua lista di utenti ben definiti, cosiddetti lead, o clienti, che entreranno a far parte delle nostre strategie di marketing automation, attraverso software crm o simil crm come Hubspot , Active Campaign, Mailchimp (qui trovi una guida).

Questo ultimo, mailchimp, è quello che nelle mani giuste meglio si adatta alle esigenze delle PMI, rendendo possibile operazioni, come ad esempio "recupera il carrello abbandonato" rende circa il 20% dei carrelli abbandonati un acquisto.

Oltre questo la marketing automation prevede la creazione di un vero proprio flusso di lavoro atto a favorire i processi di conversione dell'utente.

PMI - E-commerce a Newseletter: chi ti ha detto che non si può

In una strategia digitale di automazioni, la newsletter è uno strumento fondamentale. Tutti i contatti raccolti all'interno del database dovranno essere "categorizzati", meglio farlo in automatico, se non ci siete riusciti in precedenza ciò potrà, anzi, dovrà comunque essere fatto.

Facciamo un esempio pratico di ciò che ho scritto qui su:

"Maria visita una pagina dedicata agli smartwatch femminili, in particolare ha apprezzato uno fucsia, e ha scaricato un coupon di sconto del 5% fornendoci la sua email. Avremmo 3 ipotetici gruppi di appartenenza:

  • Prodotti Femminili
  • Smartwatch Femminile
  • Colore Fucsia

A questo punto può iniziare una strategia cosiddetta di lead nurturing, ovvero una strategia digitale che "nutre" l'interessato con contenuti specifici, una comunicazione automatica ma ad personam, la più efficace in ambito di vendita.

In questo modo, adottando queste strategie resterà fermo solo chi non vuole andare avanti!

Non fermarti

Se vuoi mettere in moto il tuo e-commerce

newsletter

Dalla Categoria 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

COSA FACCIO

Seguo le aziende nei loro progetti, studio gli obiettivi fissati e strutturo la strategia web per raggiungere la meta. Scelgo gli strumenti adeguati, formo il personale, coordino le attività web per rappresentare meglio i tuoi servizi, i tuoi prodotti, la tua filosofia.

CONTATTI

Alessandro Nicoli Web Agency

Via Giare 22, San Vito di Leguzzano, 36030 (VI)
Corso G. Garibaldi 203, 84122 Salerno
(C/O Sellalab)
Tel: +39-(349)-10-65-911
Email: info[at]alessandronicoli.com

© 2021 · Alessandro Nicoli | Web Designer | Consulente Web Marketing ·
P.IVA 03930030246
smartphonecrossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram